The Broadsword And The Beast

Un altro mastodontico super classico nella discografia dei Tull. Si tratta del mio terzo disco preferito: nasce come risposta all’album A (1980), uno dei lavori più controversi della band inglese.

Qui iniziamo davvero col botto: si tratta di un album davvero magistrale. L’ascolto inizia con Beastie, primo mastodontico superclassico: canzone splendida, con una parte ritmica davvero potente e precisa; si prosegue con Clasp, grande brano con un arrangiamento che strizza l’occhio al rock progressivo: qui il flauto di Ian An: si tratta di uderson regala davvero delle forti emozioni; si prosegue poi con Fallen On Hard Times, capolavoro assoluto che dimostra ancora una volta come i Jethro Tull si trovino a loro agio anche in ambito rockettaro. Abbiamo poi Flying Colours, uno dei punti deboli del disco: qui in evidenza c’è il pianoforte di Peter John Vettese, che fa il suo debutto come membro della band inglese. Si passa poi a Slow Marching Band, altro grande super classico dei Jethro Tull: si tratta di una grande ballata con un arrangiamento tipico dei Tull. Un altro punto debole del disco è Broadsword, ballata che alla lunga risulta un po’ indigesta. Ma torniamo a parlare di capolavori, perchè questo disco si chiude con tre autentici super classici: si parte con Pussy Willow, si prosegue con Seal Driver e si passa all’ultima traccia del disco: Cheerio

Se, come chi scrive, possedete l’edizione rimasterizzata uscita nel 2005 che reca la scritta Digitally Remastered With Bonus Tracks, l’ascolto prosegue con altre otto canzoni: Jack Frost And The Hooded Crow, Jack A Lynn (la cui primissima versione è stata inserita nell’Heavy Horses. New Shoes Edition uscito nel 2018), Mayhem Maybe, Too Many Too, Overhang, Rhythm In Gold, I Am Your Gun e Down At The End Of Your Road. Un altro gioiellino nella discografia dei Tull che gli appassionati non possono assolutamente lasciarsi scappare!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *